10 Giugno 2010

NEL CUORE DELL'UNIVERSO: il segreto dell'emergia e la custodia dell'ambiente

 

La politica è chiamata ad assumere scelte importanti e strategiche in tema di consumi energetici, fonti di energia e tutela dell’ambiente.
Il futuro dell’umanità si gioca su questi temi che incidono fortemente sulla qualità della nostra vita.
Per alcuni popoli è una sfida decisiva per la stessa sopravvivenza. E non mancano previsioni di scenari catastrofici legati per esempio al surriscaldamento del pianeta.
Ma su quali basi fondare un comportamento responsabile in tema di energia e di ambiente?
Può bastare il timore di catastrofi per cambiare atteggiamenti oppure dobbiamo confidare in scoperte scientifiche che possano ridurre o risolvere gli inconvenienti del progresso?
Certamente l’uso più responsabile delle risorse e una diversificazione delle fonti di approvvigionamento sono strategie ormai imprescindibili.
Ma la tutela dell’ambiente è solo patrimonio di una certa posizione culturale e politica, oppure il recupero della dimensione creaturale può rappresentare la vera novità.
E’ quest’ultima una posizione nostalgica e reazionaria, oppure contiene un richiamo a “QUANDO IN ALTO”?

INTERVENGONO
Corrado Clini - Direttore generale del Ministero dell’Ambiente;
Ilario Boscolo - Docente di Struttura della Materia, Università di Milano;
Paolo Togni - Docente di Diritto Pubblico, Università Telematica “G. Marconi” di Roma;
Adriano Gambetta - Dirigente Adriatic LNG;
Roberto Della Seta - Senatore;
Daniele Moro - Giornalista e inviato TG5;

 

Adriano Gambetta
Corrado Clini Daniele Moro

Ilario Boscolo



Paolo Togni


Roberto
Della Seta
Valerio Massimo
Manfredi
 
FacebookTwitterYouTube